Tag

, , , , ,

Eccoci ritrovati con il terzo e ultimo appuntamento, all’interno del quale vi racconterò di Olga Blandano e del suo Pandistoffa, che insieme a me ha fatto parte del team creativo di Editoria Europea.

Nello spirito di questo appuntamento, all’interno del quale ho associato le creative alla città che abbiamo avuto modo di visitare durante le soste della navigazione, per me Ibiza è Olga o viceversa!

Solare, gioiosa, dall’energia contagiosa. Lei è come questa città in pieno fermento emotivo e creativo. Le sue creazioni firmate Pandistoffa, sono capaci di unire la tradizione allo spirito contemporaneo. Portano la sua firma generosi e volumetrici fiori dal gusto nordeuropeo, realizzati in tessuto. Perfetti per donne di carattere, come la sua creatrice, ma dall’animo soffice e dolce come lo zucchero filato.

olga

Come è nata la tua creatura?

Sono cresciuta in una famiglia di donne operose, amanti della creatività che mi hanno trasmesso la loro arte e la passione per tutto ciò che può essere creato con le nostre mani. PanDiStoffa è nato per caso: avevo creato una collana di tessuto da indossare in occasione di una visita ad una fiera della creatività ed è stato un inaspettato successo, per tutta la giornata sono stata fermata da donne di tutte le età , che mi chiedevano dove acquistarla o come realizzarla! Ho così deciso di aprire un blog per mostrare le mie creazioni, il nome PanDiStoffa mi è piaciuto perchè sintetizza un pensiero: creatività quotidiana per chi ha stoffa da vendere.

Da cosa trai ispirazione?

Sicuramente il web è una fonte inesauribile di idee ma anche tutto ciò che vedo, un fiore, un quadro, un paesaggio, un oggetto qualsiasi possono farmi scattare un’idea

C’è una città, un piatto, una lettura che ti rappresenta?

Più che altro un colore: il rosso come i  miei capelli ma anche come simbolo di fuoco, di intensità e di calore.

Qual è la creazione alla quale sei più legata?

Ho realizzato molte creazioni, in diverse tecniche ma tra tante il ricamo è quella che preferisco sopratutto perchè mi rilassa e posso lavorarlo anche davanti alla tv. La tecnica silk ribbon e stumpwork mi affascinano, sono come una droga: non smetterei mai di lavorare! Ecco perchè la creazione alla quale sono più legata è il progetto Garden in Spring, una piccola riproduzione di un ciliegio in fiore su una base ricoperta di ricami in seta e in rilievo. Adoro i fiori e questo progetto mi ha permesso di ricamarne davvero tanti! E’ stata una creazione  che ha riscosso moltissimo successo nelle fiere e nelle mostre dove è stato esposto, ammirato, fotografato come una star e mi ha permesso di far conoscere queste tecniche che purtroppo in Italia non sono molto praticate.citrulli

Tra i complimenti che ricevi, quale ti è rimasto nel cuore?

Ad Abilmente Vicenza una signora ferma da parecchio tempo davanti al mio Garden in Spring mi ha chiesto se poteva fotografarlo, io le ho risposto “certo, noi artigiani siamo felici di mostrare le nostre creazioni” e lei ha risposto ” no, cara signora, lei non è un’artigiana…lei è un’artista!” . Ancora adesso sorrido pensandoci.

Incontri, pubblicazioni, collaborazioni. Senza smettere di sognare, ti augureresti per il futuro?

Amo sognare in grande: mi vedo in tour per l’Italia a fare corsi, i miei progetti sempre più presenti in edicola, pubblicazione di libri creativi e continuare ad essere intervistata. Insomma diventare un nome importante nel mio settore!

Come sei arrivata a far parte dello staff della prima Crociera Creativa di Editoria Europea?

Collaboro con Editoria Europea da un bel po’ di tempo e quando mi hanno proposto di far parte dello staff non mi sembrava vero!!!! Certo, l’idea della crociera mi allettava molto ma la gioia vera è stata per il fatto che la redazione avesse scelto me, proprio me, insomma hanno creduto nelle mie capacità e apprezzato i miei lavori.olga2

Quali sono i consigli che ti senti di dare a chi vuole far conoscere al grande pubblico le sue creazioni?

Avere visibilità non è facile, aiuta sicuramente collaborare con l’editoria oltre che utilizzare i canali blog e Facebook e poi credere in se stessi e in quello che si fa, non aver timore ad esibire il proprio lavoro per paura di sentirsi dire che non è bello…anche le critiche aiutano a migliorare quindi bisogna buttarsi nella mischia!

Una creazione che vorresti imparare a realizzare dalle altre tre colleghe creative?

Sicuramente il mostraccio vagabondo icona di Mo-stracci di Elena, da Manuela più che una creazione in particolare vorrei imparare a lavorare in modo così preciso, ho avuto tra le mani le sue creazioni e davvero sono impeccabili! Il gatto applicato come personalizzazione della sulla valigia mi è piaciuto un sacco, chissà se mi dice come si fa?

Da te Barbara invece, vorrei che mi insegnassi a creare le ali che servono per spiccare il volo nel mondo del web e come far entrare PanDiStoffa nel cuore delle persone!!

E io che ero pronta a svelare i segreti del furoshiki, mi trovo una richiesta di tutoraggio così difficile! Ci proverò, non ad insegnare, ma semplicemente a condividere le mie esperienze!

Ad Olga, Manuela e Elena – qui le interviste – compagne di avventura creativa, l’augurio di un brillante successo!

Share & Enjoy

Barbara

 

 

Annunci