Tag

,

“Cosa hai disegnato qui? Vediamo un po’…ah, ma che bello un drago!”

“Un DRAGOOOOO???” rimugina A. “ma pensa te, come si fa a confondere un drago con un brachiosauro, il più grande animale mai vissuto sulla terra, una bestia che poteva pesare fino a 60 tonnellate…”

“No signora maestra, non è un drago, è un brac…un dinosauro!” dice invece A.

“Certo, certo, bene, bene, continua” fa la maestra.

 “Che stai leggendo? Ancora quel libro sui draghi?”

“Ma nonna, non sono draghi, guarda, questo è uno stegosauro! Fa paura vero? Pensa però che era erbivoro e che i suoi denti avevano la forma di foglia e che…”

Ma alzando lo sguardo vede la nonna ormai alle prese con i fornelli.dinosauri (43)

È sempre così con i dinosauri. Estinti, poco conosciuti se non per qualche lungimirante cartone animato che unisce uomini e dinosauri, ma appassionanti per moltissimi di noi.

Quanti bambini sono rimasti incantati davanti alle illustrazioni di questi giganti? Io stesso mi ricordo di aver consumato un librone con illustrazioni di un’epoca lontanissima, nelle quali si vedevano colli lunghi qualche metro spuntare da un bosco, o zampe che schiacciavano altri dinosauri per loro sfortuna molto più piccoli, esseri alati solcare i cieli in cerca di prede.dinosauri (56)

Ma qualcuno ha avuto più passione o più forza di altri per inseguire questi animali attraverso le ere geologiche. Di cercarli sulle montagne e nei deserti dei nostri giorni. Di lasciare l’Italia e raggiungere il più grande scienziato in materia fino in Montana per viverci 4 anni.

E tornare.

Tornare per proporre a tutti, in un modo chiaro e divertente, con uno sguardo da scienziato, ma leggero, con l’ausilio delle nuove tecnologie, un mondo che non potrà tornare, ma che ha un fascino misterioso e ipnotico.dinosauri (66)

Una mostra, questa di cui vi voglio parlare, che fa correre i bambini con la testa all’insù per osservare il tirannosauro, e che fa incantare gli adulti davanti al fossile di Scipionyx, piccola ma fondamentale scoperta paleontologica, che ha ispirato uno studio di 300 pagine, il più completo al mondo!dinosauri Collage

Basta arrivare a Monza, entrare nel parco, andare in direzione della villa Mirabello e guardarsi attorno: vedrete degli esemplari in carne e ossa (…più o meno) spuntare dai prati e vicino alla villa. Entrando, avrete modo di fare la conoscenza di questi animali in un contesto meraviglioso per il contrasto che offre: soffitti affrescati e teste dell’era giurassica, l’archeo-acquario in una sala ottocentesca. E potrete addentrarvi nel dietro le quinte di una costruzione di un modello di dinosauro in scala 1:1, magari facendovi spiegare qualcosa dai super-preparati e gentilissimi curatori della mostra, Alessandro ed Anna.dino  marzo (19)

Nella giornata di domenica 10 Marzo 2013, poi c’è stato un vero happening di studiosi, artisti e appassionati con l’inaugurazione ufficiale della mostra. È stato possibile creare un vero dinosauro in 3D, grazie alla tecnologia Clay-tools, farsi fare una ferita da scontro con tirannosauro iper-realistica e chiedere tutto, ma proprio tutto ai paleontologi!dino  marzo (26)

Abbiamo imparato che gli uccelli odierni sono i parenti più prossimi dei dinosauri, scoperto i segreti dell’evoluzione che hanno portato questi animali a dominare la terra, fino a sapere che tipo di verso facevano!dino Collage

Insomma, è stata una scoperta, un continuo stupirsi, che ha aumentato la curiosità su un mondo scomparso. Ma loro saranno a Monza fino a fine luglio…dovranno rispondere ancora a molte domande degli appassionati e dei curiosi che vorranno andarli a trovare.

davidetiezzi@yahoo.it

dinosauri (77)

Annunci