Tag

, , , , , , ,

Quanto gli audio-libri non si immaginavano nemmeno, la letteratura per l’infanzia e le storie delle tradizioni, venivano tramandate di bocca in bocca.

404809_612404555453149_1536390164_nL’immaginario ci rimanda all’idea di un paziente adulto che davanti ad un capannello di piccoli scalmanati, riesce a  placare l’ energia vitale dell’infanzia, viene rapita nell’ascolto di storie vere, immaginarie o fantastiche.

Toni di voce modulati ad arte, per creare suspance, attirare l’attenzione e nel momento opportuno mettere in scena l’imprevisto.

E se voi pensate che quei tempi sono molto lontani, fermatevi!

Per voi ho incontrato e intervistato una cantastorie per professione, Anna Sicilia.

169013_1704407781864_4584092_nConosciamola meglio.

Quando hai scoperto questo tuo talento e compreso la strada da seguire?

Tutto è iniziato durante la stesura della tesi, sviluppando un lavoro sulla poetessa Vivian Lamarque che è anche autrice di libri per bambini.

Allora ero incinta della mia prima figlia Matilde, e Vivian mi ha regalato “La gallinella disperata” aprendomi una porta, quella sulla letteratura per bambini. Ho avuto la fortuna di avere poi una bimba molto curiosa e intelligente con cui ho letto tutte le fiabe della tradizione e ho passato intere giornate in biblioteca.

Nel corso del tempo tra libri e librerie si è sviluppata l’idea di leggere in pubblico le favole. E il primo spazio che ha creduto in questa idea  è stata l’allora Libreria dei Ragazzi di Monza di Paolo Cantù

30558_1438871821771_2512367_nQuali sono i tuoi progetti realizzati per i quali sei orgogliosa?

Il progetto che ho amato di più è stato quello delle fiabe classiche in musica, con l’accompagnamento del polistrumentista Giovanni Melucci.

Insieme abbiamo scritto canzoni, lavorato in scuole, biblioteche e in feste di compleanno, come due raminghi della fantasia. E ho osservato le bocche aperte dei bambini davanti a strumenti che non sapevo neanche io esistessero, come la sega musicale. Abbiamo lavorato sulle Favole al Telefono di Rodari, selezionandone alcune, Giovanni ha composto una musica diversa. Con Germana Gallo e Claudio Rapallino che sono i titolari del PENTESILEA, abbiamo dato vita ad un progetto d’avanguardia ” l’aperitivo in Fiaba della città invisibile“, che ora è diventato un appuntamento molto seguito.

Tre venerdì al mese accogliamo genitori e bimbi tra fiabe e musica all’ora dell’aperitivo, con laboratori tenuti da professionisti del settore che si affiancano alle mie letture animate, e organizziamo incontri con autori e case editrici.

 Pensando al futuro, qual è il sogno più grande, che vorresti realizzare?180740_1704369020895_7953410_n

In realtà si può dire che pian piano lo sto realizzando. Vorrei portare avanti la collaborazione con case editrici per bambini. Da poco è nata una partnership col Castoro Edizioni, per cui comincerò da sabato 2 marzo a leggere le loro novità letterarie presso librerie

Se potessi racchiudere la tua filosofia con una frase, come la definiresti?

Senza passione e amore per quello che si fa le cose non succedono, rimandendo immobili.Ognuno deve riconoscere il proprio talento e spendersi per realizzarlo.

In fondo, questo è quello che anche le fiabe mi hanno insegnato!

Starei le ore ad ascoltare Anna, donna poliedrica e versatile capace di destreggiarsi con una serenità tra la piccola tribù dei suoi tre pupetti e l’inseparabile cane Lola e of course, il lavoro.

Un grazie speciale per il tempo e l’energia che mi hai voluto dedicare per conoscerti un po’ di più!

E se anche voi siete o conoscete persone speciali, forza, fatevi raccontare!

scrivetemi a questa mailtecmonza@libero.it

Enjoy,

Barbara546092_129212990545620_1939532233_n

Annunci